Compiti e funzioni

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

Generalità

Il Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale, ‘Ente Pubblico al servizio dei Consorziati per la valorizzazione del Territorio in un rapporto di collaborazione operativa con gli Enti locali del relativo Comprensorio ‘ (art.1 vigente Statuto)   è stato istituito con decreto del Presidente della Giunta Regionale Sarda N° 380/SG del 29.12.1975, a seguito della fusione dei preesistenti Consorzi di Bonifica denominati del ‘Nuorese’, del ‘Marreri-Isalle’  e della ‘Media Valle Tirso’.

I compiti, le funzioni e le attività del Consorzio sono oggi disciplinate dalla Legge Regionale 23/5/2008 n. 6 ‘ Legge quadro in materia di Consorzio di bonifica e riguardano, in sintesi, la gestione del servizio idrico settoriale agricolo, le  attività connesse con il  sollevamento e la derivazione delle acque ad uso agricolo, la gestione, la manutenzione e la realizzazione degli impianti irrigui, della rete scolante a servizio della produzione agricola, della viabilità strettamente funzionale alla gestione e alla manutenzione della rete di distribuzione e della rete scolante.

Rientrano inoltre tra le attività istituzionali del Consorzio quelle connesse alla realizzazione e gestione delle opere di bonifica idraulica comprese nel Piano Regionale di bonifica previsto dalla citata L.R.6/2008, la realizzazione e gestione degli impianti per l'utilizzazione delle acque reflue in agricoltura, le attività finalizzate al riordino fondiario e le opere di competenza privata, in quanto di interesse particolare dei fondi di cui al titolo II, capo V, del R.D. 215/1933 (Nuove norme per la bonifica integrale).

IL Consorzio ha inoltre stipulato nel 2012, ai sensi dell’art.3 della citata L.R.6/2008, specifico Accordo di Programma con la Regione Sardegna, Assessorato dei Lavori Pubblici,  per lo svolgimento delle attività inerenti al ‘servizio di piena e intervento idraulico’ e ‘presidio territoriale’, a supporto del Genio Civile della provincia di Nuoro.

Ai sensi della citata L.R.6/2008, le risorse finanziarie che consentono al Consorzio di svolgere la propria attività derivano principalmente dai contributi pubblici erogati dalla Regione Sardegna per la manutenzione e gestione delle opere pubbliche di bonifica e dai contributi dei consorziati, ossia di coloro che posseggono immobili ricadenti all’interno del perimetro irriguo, che traggono beneficio dalle reti consortili ivi esistenti.

Le attività del consorzio

Le attività svolte dal Consorzio, innumerevoli, sono finalizzate alla razionale utilizzazione delle risorse idriche per uso agricolo e alla salvaguardia dell’ambiente rurale e comprendono, in estrema sintesi, la manutenzione e gestione degli impianti pubblici di bonifica (reti irrigue e di scolo), l’attuazione delle opere pubbliche affidategli dalla Regione Sardegna e/o dallo Stato (dalla progettazione al collaudo) e le attività di controllo del territorio connesse al ‘servizio di piena’.

Numerose sono anche le collaborazioni con varie Amministrazioni Pubbliche locali e la collaborazione, con ENAS,  per la gestione della diga di Maccheronis sul fiume Posada.

Tutte le attività vengono svolte dalla struttura tecnica, amministrativa e gestionale del Consorzio che si avvale, limitatamente alla realizzazione delle opere pubbliche  e agli interventi manutentivi di maggiore entità, di ditte esterne specializzate, appositamente selezionate.

Numerose ed importanti sono le opere pubbliche che il Consorzio ha in corso di realizzazione: tra queste si citano, all’attualità, (settembre 2014) la diga di Cumbidanovu sul fiume Cedrino, in agro di Orgosolo, per l’irrigazione di circa 2.800 ha nei Comuni di Orgosolo, Oliena, Dorgali e Nuoro; l’ampliamento del serbatoio di Maccheronis sul fiume Posada; vari  interventi di sistemazione fluviale per la mitigazione del rischio idraulico nei bacini del Cedrino e del Posada; il potenziamento della rete di adduzione irrigua per Posada e Budoni, l’ampliamento della rete irrigua nelle piane di Orosei ed, infine, l’implementazione del sistemi di controllo e misura delle portate erogate.

Numerosissime sono state anche le attività e le opere pubbliche realizzate, dall’Ente. nel passato: tra queste si ricordano la realizzazione dei tre invasi (di accumulo e/o laminazione) prima citati, le reti di adduzione e distribuzione irrigua derivate da questi,  innumerevoli interventi e iniziative a diretto sostegno al comparto agro-pastorale (assistenza tecniche alle aziende, viabilità rurale, reti di elettrificazione, opifici, villaggi rurali,  ecc.), alcune scuole professionali e  vari interventi di  sistemazione di bacini e dei principali corsi d’acqua presenti sul Comprensorio.

L’attività in materia di sistemazioni idrauliche e di difesa del suolo costituiscono, oggi, uno dai principali campi dell’attività progettuale svolta dal Consorzio e ciò in considerazione dell’elevatissimo rischio idraulico cui sono soggette, storicamente, ampie porzioni del comprensorio irriguo: tra i principali interventi oggi in esecuzione si citano quelli  finalizzati alla mitigazione del rischio idraulico dei territori irrigui, antropizzati - situati a valle delle dighe di Pedra ‘e Othoni, sul fiume Cedrino e di Maccheronis, sul fiume Posada da sempre soggetti agli effetti, spesso devastanti, delle piene dei principali corsi d’acqua esistenti e che, anche nel recentissimo passato (novembre 2013), hanno causato, oltreché ingentissimi danni materiali, la perdita di vite umane.

Orari di apertura al pubblico

Orari di apertura al pubblico lunedì-venerdì 9:00-13:00